Il numero di BTC sulle borse è sceso al minimo da novembre 2018

Un rapporto della piattaforma Glassnode dice che il numero di bitcoin sui cambi di valuta criptata è sceso a un nuovo minimo all’inizio di questa settimana.

Al momento, 2,61 milioni di BTC sono immagazzinati nei piani di trading, il volume più basso dal 24 novembre 2018.

I ricercatori ricordano che all’inizio di marzo fino al cosiddetto „Giovedì Nero“

I ricercatori ricordano che all’inizio di marzo fino al cosiddetto „Giovedì Nero“, al contrario, l’afflusso di monete nelle borse è aumentato. Prima che il Bitcoin Trader crollasse al minimo annuale il 12 marzo, circa 3 milioni di BTC accumulati sulle piattaforme.

Dopo la caduta di marzo, il valore della più grande moneta criptata è salito a un massimo di 13 mesi, raggiungendo i 12.400 dollari lunedì 17 agosto. Bitcoin è oggi scambiata poco più di $ 12.000.

Il saldo di cambio di BTC nell’ultima settimana è diminuito di quasi l’1,5%. Nel corso del mese, il numero di bitcoin nei piani di negoziazione è diminuito del 3% e da metà marzo è diminuito di oltre l’11%.

L’analista di EToro Simon Peters ritiene che l’aumento

L’analista di EToro Simon Peters ritiene che l’aumento del deflusso di bitcoin in uscita dagli scambi sia un segnale positivo per la sfera cripto. Questa tattica riflette il desiderio degli investitori di conservare le monete il più a lungo possibile e di non venderle nemmeno durante un periodo di calo dei prezzi BTC.

Il predominio della tendenza alla conservazione a lungo termine della cripto moneta crea le condizioni per un ulteriore rafforzamento del tasso di bitcoin. Alla fine di luglio, l’analista Lewis Harland ha presentato dati dai quali risulta che solo nel secondo trimestre del 2020 il deflusso di BTC dai piani di trading è aumentato di oltre il 200%.